Mykonos Naxos

Mykonos e Naxos, in Grecia, due delle isole dell’arcipelago delle Cicladi, due mete ideali per le vostre vacanze. La prima, Mykonos, è un isola dalle ridotte dimensioni, ma che possiede alcune delle più belle spiagge dell’arcipelago, ed il cui capoluogo, Chora, o Mykonos Town è incredibilmente bello da visitare (ed anche terribilmente affollato…), con una vita notturna famosa in tutto il mondo per la qualità dei suoi locali, l’esclusività delle sue feste, l’animazione delle sue serate.

La seconda, Naxos, altrettanto conosciuta per le bellezze naturali che possiede, la smagliante natura che, soprattutto in primavera, esplode in un festival di fiori di profumi e di colori.

Se su Mykonos gli abitanti quasi non li riuscite a scorgere nella folla dei turisti che animano spiagge e vicoli della capitale, a Naxos invece saranno loro ad accogliervi ed a dimostrarvi quanto sia veritiera la proverbiale ospitalità dei greci.

Se siete in viaggio in Grecia, e vi trovate nell’arcipelago delle Cicladi avrete la possibilità fare delle escursioni giornaliere tra un isola e l’altra, magari scegliendo come base Naxos, un po’ meno esclusiva e perciò decisamente più abbordabile come prezzi, senza che ciò significhi in ogni caso la rinuncia ad un ottimo livello di servizi e di comfort.

Raggiungere Naxos da Mykonos non è per niente difficile, dal porto di Mykonos infatti partono quotidianamente diverse imbarcazioni alla volta di Naxos, ed avete ampia disponibilità di scelta, dai catamarani veloci agli aliscafi, ai traghetti, leggermente più lenti. In ogni caso la distanza tra le due isole si copre con circa un ora di navigazione al massimo.

barca4 perchè no? una gita su una vera barca di pescatori…

Nella scelta dell’imbarcazione, a parte la velocità, potreste aver bisogno di valutare le condizioni atmosferiche, quando il mare è mosso le navi più grandi generalmente sono quelle più confortevoli perchè sopra di esse è meno sensibile il rollio causato dalle onde, mentre sulle imbarcazioni più piccole in alcuni casi è decisamente forte.

Tutto sta alla vostra capacità di sopportare il mare ed il grado di resistenza al cosiddetto “mal di mare”. E’ una buona precauzione avere sempre sott’occhio le condizioni meteo. Per esempio controllate le previsioni una volta che vi mettete in viaggio, per escursioni che superano l’arco della giornata: molte volte, soprattutto in primavera e alla fine dell’estate è facile che per colpa del vento e della condizione del mare le navi non possano lasciare il porto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.