Porto di Rodi

Una delle emozioni più intense dei visitatori che arrivano a Rodi, d’altronde comune a molte delle città che si sporgono sul mare è quando la nave si avvicina piano piano all’ingresso del porto.

Il porto di Rodi non è da meno in quanto alle emozioni che evoca, innanzitutto per lo splendido panorama delle spiagge che si aprono ai due lati della città, e poi per la vista delle imponenti mura che racchiudono la città vecchia medievale, fatte di enormi blocchi di pietra sovrapposti.

Ai due lati del porto svettano poi due colonne sulla cui cima sono collocati due cervi, il simbolo della città.

E’ qui, al posto delle colonne che un tempo poggiavano i piedi del Colosso di Rodi, un’enorme statua che nell’epoca antica destava la meraviglia dei visitatori della città, in seguito crollato ed andato disperso definitivamente.

Il porto di Rodi è molto vivace perchè la posizione dell’isola è strategica per le comunicazioni tra il continente e le maggiori isole del Dodecanneso, e da Rodi si può poi proseguire il viaggio verso la Turchia, con un servizio di navigazione chein poco più di un’ora raggiunge la costa turca a Marmaris.

Rodi è collegata via nave con Atene ed il Pireo, con Salonicco, con le maggiori isole delle Cicladi e dell’arcipelago circostante, ed è anche uno dei modi più rapidi, sebbene non il più economico per raggiungere le isole di Kos, di Leros, di Simi, di Patmos e di Samos. Ed è anche una delle località in cui è facile osservare le immense navi da crociera che qui approdano per qualche giorno nel loro viaggio tra le bellezze del Mediterraneo.