Guida : vacanze in Grecia parte VIII – Creta


Creta è l’isola più grande della Grecia. Lontana dalle altre isole, e dal continente ha delle caratteristiche tute particolare per cui tende a differenziarsi dal resto della Grecia. Dal punto di vista linguistico si parla un dialetto particolare, ed anche diversi usi e costumi sono presenti qui e non altrove in Grecia, gli abitanti hanno fama di essere particolarmente orgogliosi e sovente potrà succedere ai visitatori che essi si proclamino cretesi e non greci.

Storicamente è una delle isole in cui per prima si è sviluppata una delle civiltà greche più antiche ed organizzate, la civiltà minoica, che era la più potente tra tutte le civiltà presenti nell’area dell’Egeo, e la cui popolazione era dedita soprattutto al commercio ed ai traffici con le civiltà vicine e lontane.

Della sua organizzazione sociale e della sua cultura oggi rimangono le bellissime e suggestive rovine del Palazzo di Cnosso, ma molto è rimasto oscuro, e la civiltà è scomparsa a causa di una serie di eventi catastrofici, i terremoti in primo luogo, e delle successive invasioni delle popolazioni barbariche che si insediavano nel territorio greco provenienti dal nord della penisola Balcanica. Dopo essere stata per quattro secoli sotto il dominio dei romani Creta sarà di volta in volta terra di conquista dei successivi popoli dominatori, i bizantini, i veneziani, i turchi in primo luogo. Sarà uno dei capisaldi della resistenza sia contro i turchi che, durante la seconda guerra mondiale contro i tedeschi.

L’isola è splendida, spiagge infinite, pittoreschi villaggi, paesaggio naturale selvaggio di boschi e foreste o delle rigogliose coltivazioni di ulivi e vigneti, agrumi ed ortaggi di cui Creta mantiene il primato, sia per produzione sia per qualità. L’estate è lunghissima, e da Aprile alla prima settimana di dicembre il mare ha temperature gradevoli per nuotare e tuffarsi.

Tra le città più interessanti Chania, che i veneziani chiamavano Candia, e che è ricca della loro passata dominazione nell’architettura dei palazzi, del porto e del castello; altre città grandi sono Rethymno ed Hiraklion, da cui si raggiunge il Palazzo di Knossos. La città più bella è in assoluto Agios Nikolaos, nell’oriente dell’isola, da cui si accede rapidamente ad Elounda, una delle località turistiche più rinomate di Creta.

Sulla costa sud Paleochora, con le sue spiagge infinite circondate dalle palme, il bel paesino di pescatori di Agia Roumeli, che si apre al fondo delle Gole di Samaria, una delle escursioni più affascinanti che si possano fare a Creta, Chora Sfakion e Matala, con le sue spiagge magnifiche circondate da alte pareti bucherellate da antichi sepolcri.

Rinomate anche le spiagge di Elafonisos, di Xerokambos e Frangokastello.

Nell’entroterra si possono trovare paesi come Anoghia, nascosti tra uliveti e pinete, dove la vita sembra essersi fermata nel corso del tempo e gli uomini e le donne portano ancora i costumi tradizionali nella vita di ogni giorno, e si dedicano all’agricoltura ed alla pastorizia.

Raggiungere Creta è comodo e facile una volta fatto scalo ad Atene via mare, grazie alle grandi compagnie di navigazione dei potenti armatori cretesi, i porti più frequentati sono Chania ed Hiraklion, da cui partono ed arrivano i traghetti per Atene. In aereo si fa scalo all’aeroporto di Hiraklion. Per spostarsi sull’isola c’è un’ottima ed efficiente rete di autobus, che attraversano tutta l’isola, anche se alcune località particolarmente rinomate non sono servite a dovere. In questo caso il modo migliore di spostarsi è quello di affittare un mezzo, per percorrere lunghi tratti di strada è meglio sicuramente un’automobile, mentre per brevi tragitti ed escursioni un motorino o una bicicletta sono più che sufficienti.